Ospedale di Asiago

Ristrutturazione ed Ampliamento - Vicenza

Il sito dell’ ospedale di Asiago risulta possedere due caratteri naturalistici contrapposti: nel lato nord-est si trova un fitto bosco di abeti che degrada ripidamente dalla sommità della collina fino alla sottostante strada provinciale, mentre completamente diverso appare il versante sud-ovest che declivia dolcemente verso una verde vallata sottostante permettendo un’ ampia vista dell’ Altopiano, fino al centro di Asiago.
Elementi fondativi del progetto sono così diventati da un lato il paesaggio delle ampie dolci vallate dell’Altopiano, attraverso le quali lo sguardo può vagare in lontananza, e dall’ altro, il fitto bosco di alti abeti che chiudono verso nord-est il versante più ripido della collina.
Viste le caratteristiche naturalistiche e ambientali del sito in cui si trova l’ospedale, il progetto si è proposto l’obbiettivo di andar oltre il semplice adeguamento strutturale e tecnologico dei fabbricati, prefigurando un complesso ospedaliero armonicamente integrato con l’ambiente circostante.
Il progetto prevede, pertanto, di valorizzare il più possibile la vista verso sud-ovest e “inserire” nel bosco il complesso ospedaliero (dimensionato per un totale di 120 posti letto), assumendo l’altezza degli alberi del bosco come altezza massima dei fabbricati.
Tutto ciò ha comportato la necessità di “aprire” l’ospedale al paesaggio a ovest e, a tal fine, si è previsto di collocare il nuovo ingresso principale e il parcheggio per gli utenti proprio in tale zona.
Il presidio ospedaliero ristrutturato si configura come un organismo edilizio composto da due nuclei distinti posti luno a nord e laltro a sud del nuovo ingresso, elemento architettonico ad un solo livello ove troveranno localizzazione la reception e il bar/edicola.
Il nucleo situato a nord utilizza i volumi dell'attuale ospedale, mentre nel nucleo a sud , ubicato in un nuovo volume edilizio, vi saranno i servizi sanitari diurni e per acuti.
Il nuovo fabbricato sarà edificato a sud dell'attuale complesso ospedaliero, nell'area in cui si trovava il fabbricato per uffici amministrativi. Tale nuovo fabbricato sarà ruotato rispetto al nucleo posto a nord al fine di avere l'asse longitudinale con direzione nord-sud, e la disposizione dei locali per le degenze e degli ambulatori con affacci ad est e ad ovest. Questo nucleo posto a sud dell' ingresso principale sarà composto da quattro livelli, due superiori al livello dellingresso principale e uno inferiore.
Quello inferiore si configurerà come una grande piastra che, sfruttando l'orografia del terreno, risulterà in parte interrata ed in parte fuori terra. Il nucleo sud emergerà dalla piastra solamente nella zona orientale, lasciando così libera, nella zona occidentale, la copertura, che verrà utilizzata per i parcheggi delle autovetture. Il fabbricato emergente si eleverà per tre livelli dalla quota d' imposta dellingresso principale e tipologicamente si configurerà come edificio a doppia corte interna. Al centro, tra le due corti, sarà presente il nucleo dei collegamenti verticali (scale e ascensori) che permetteranno agli utenti, al personale sanitario e alle merci di raggiungere i vari livelli. Al piano terra vi saranno i poliambulatori, la fisioterapia e il laboratorio analisi, al piano primo le degenze di medicina (30 posti letto) e le degenze di riabilitazione fisica (20 posti letto) e riabilitazione cardiologica (10 posti letto), mentre al piano secondo troveranno posto il day hospital-day surgery (30 posti letto), le degenze di chirurgia, ortopedia, ostetricia, pediatria (30 posti letto) e il blocco parto.
Nella piastra, al piano seminterrato troveranno collocazione il pronto soccorso (con accesso dallesterno sia per gli automezzi che per gli utenti), il blocco operatorio, la radiologia e la continuità assistenziale con accesso autonomo dell'esterno. Essi, sfruttando la natura degradante del terreno risulteranno in gran parte fuori terra così come la piastra addossata al lato ovest del nuovo edificio. In essa vi saranno l'obitorio e tutti i servizi logistici necessari al funzionamento dell'Ospedale quali gli spogliatoi centralizzati, la mensa, il catering, la farmacia, il guardaroba, i depositi, i magazzini e gli archivi. Sempre alla quota del seminterrato, ma in un fabbricato separato posto a sud-est, vi sarà la centrale tecnologica.

© 2019 Studio Navarra Associati

Tutti i diritti riservati - P. IVA. - C. F. 03493080281